Gelatieri per il Gelato

Movimento Culturale di valorizzazione del Gelato Artigianale di tradizione italiana

TUTORIAL libro degli ingredienti GxG

Un piccolo aiuto per essere sicuri di aver compilato bene il proprio libro degli ingredienti della gelateria. Non solo in vista dell’iniziativa “Operazione Trasparenza” che partirà il 7 maggio 2018, ma anche per il futuro.

  1. Tutti i gusti di gelato devono essere indicati sia con il nome di fantasia, ad esempio Fiordilatte, sia con il sottotitolo che ne indica la tipologia e il gusto, che in questo caso sarà: “Gelato di latte”.

2. Tutti gli ingredienti dei singoli gusti vanno messi in ordine discendente di importanza. Da quello che ce n’è di più a quello che ce n’è di meno (facendo riferimento alle proprie ricette). 

Occorre evidenziare nell’elenco degli ingredienti gli ALLERGENI con un carattere evidenziato, sottolineato o di colore diverso in modo da renderli subito identificabili. 

E’ bene inserire il QUID, ovvero la percentuale dell’ingrediente caratterizzante. Ad esempio: Fragola (Gelato o sorbetto di fragola): fragole (50%), acqua minerale, saccarosio, destrosio, succo di limone, farina di semi di carruba, farina di semi di guar.

Mettere l’icona degli allergeni alla fine dell’elenco degli ingredienti (se sono presenti). 

La tabella nutrizionale è facoltativa, ma se la si inserisce occorre riportarla a norma di legge (come per i prodotti confezionati).

Chi vuole può tradurre in una lingua straniera tutto.

Potete inserire un racconto che riguarda la ricetta per arricchire il vostro libro con informazioni e aneddoti. Ciò rende più leggibile e simpatico il mezzo di comunicazione.

Inserite i simboli degli allergeni anche sui segnagusti in vetrina o sul banco di servizio. Se il prodotto è adatto ai vegani si può utilizzare la nostra icona. Attenzione a non utilizzare icone protette da copyright.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: