Archivi tag: Luca Pannozzo

GxG Missione Sicilia 2017

Un viaggio atteso da tempo, finalmente è diventato realtà.

Il viaggio, ideato da Dario Rossi e organizzato con Giovanna Musumeci e Andrea Mecozzi (siciliano di adozione) è durato quattro giorni intensi ed emozionanti.
Il programma della missione ha previsto la partenza la mattina del 12 Dicembre dall’aeroporto di Catania (a parte Luca Pannozzo che sarebbe dovuto arrivare l’11 ma “per solidarietà” si è unito a noi il 12).
La prima azienda che siamo andati a visitare è stata “Antichi Sapori dell’Etna” nel cuore di Bronte (CT). Si tratta di un’azienda molto importante a livello internazionale, specializzata in coltivazione e commercio di pistacchi e ultimamente anche in produzione di panettoni. L’accoglienza è stata impeccabile, abbiamo degustato alcuni prodotti e poi c’è stata la presentazione dell’azienda e un focus sul pistacchio, presente e del futuro. Successivamente abbiamo visitato i laboratori organizzati molto bene e molto puliti.
Salutata la dirigenza degli “Antichi Sapori dell’Etna”, abbiamo fatto la foto di rito a sua maestà l’Etna imbiancato. Durante lo spostamento in macchina Giovanna Musumeci ci ha spiegato le varie eruzioni e le modifiche del territorio.

Una volta recuperato Luca Pannozzo, ci siamo avviati all’obbiettivo primario della “Missione Sicilia”: incontrare il Maestro dei Maestri Luca Caviezel.
Appena entrati nella sua casa, e dopo averlo salutato, si percepiva nell’aria un’atmosfera surreale e magica. Ad ognuno di noi ha chiesto da dove venivamo, la filosofia di lavoro in gelateria, l’importanza di comunicare come deve essere fatto un vero gelato artigianale di tradizione italiana. Poi ci ha raccontato qualche esperienza della sua vita, dalla Svizzera alla Sicilia. Dalla pasticceria all’amore per il gelato artigianale. In tutto questo si preoccupava se stavamo bene, se avevamo bisogno di qualcosa, se eravamo comodi… Prima di salutarci si è complimentato con ognuno di noi e ci ha esternato la sua felicità nel averci visto (pensi la nostra, caro Maestro!!!).
Ci ha accompagnato prima alla porta, poi per le scale, poi è rientrato per salutarci ancora dal balcone! Un Signore d’altri tempi… Saliti in macchina si percepiva la nostra euforia dagli sguardi… Un incontro che rimarrà nella nostra memoria dei ricordi più belli!

La seconda giornata ha previsto lo spostamento del gruppo a Barcellona Pozzo di Gotto (ME), presso una delle aziende più antiche e strutturate di lavorazione dei canditi in Europa: “Candifrucht”. All’interno dell’azienda gli agrumi vengono trasformati in: frutta candita, succhi, olii essenziali, etc..
Il mercato di sbocco di questa azienda è principalmente quello tedesco, ma da circa tre anni hanno iniziato a proporsi sul mercato domestico, con fette di agrumi candite intere e ricoperte di cioccolato e con panettoni ai canditi.
L’azienda è accogliente e durante il tour di visita siamo stati affiancati da una delle responsabili qualità. Al secondo giorno la nostra glicemia aveva raggiunto già dei livelli allarmanti…
Salutato e ringraziato lo staff di “Candifrucht” ci siamo diretti verso una piccola realtà di produzione di frutta e verdura biologica della Piana di Milazzo, l’azienda “Gitto”. Si tratta di una realtà a conduzione familiare, con la passione del buon cibo sano e genuino, specializzata in alcuni frutti tropicali, quali la papaya, l’annone, il mango tardivo e altri. Ci hanno accolti con una favolosa granita di fragole (appena raccolte), brioche siciliana e panna. Difficile descrivere… Le nostre papille gustative erano in estasi… Abbiamo degustato anche frutta tropicale dalla pianta, poi abbiamo visitato le coltivazioni. A seguire Andrea Mecozzi ci ha portato in una trattoria a conduzione familiare tipica del posto, “Da l’Ugghiularu” ed abbiamo degustato un piatto tipico con ricetta milazzese: lo “Stocco” alla ghiotta. Ci è venuta in mente la nostra collega Daniela… 🙂

Dopo la pausa pranzo abbiamo visitato l’azienda “Simone Gatto”, specializzata in succhi di frutta ed essenze da agrumi. Impressionante la grandezza e la pulizia. Ci ha accolti il titolare in persona e, dopo una breve presentazione storica dell’azienda, è iniziata ala visita ai locali e ai laboratori. La grandezza dei macchinari ci ha fatto pensare ad un’importante mole di lavoro e di fatturato.
Con nostra piacevole sorpresa Andrea e Giovanna ci hanno poi accompagnati in un posto magico, Gigliopoli: “La città dei bambini spensierati”. Enzo, Angela e tutti i volontari di Gigliopoli sono mossi da un intento speciale: circondare i bambini di bellezza, così che ognuno di loro possa viverla, riconoscerla e ricercarla nella loro vita presente e futura. Il loro scopo è avvolgere ogni bambino nell’amore creando in loro la consapevolezza di essere unici e speciali. Grazie ragazzi per questa splendida sorpresa…
A seguire abbiamo fatto visita alla gelateria “Sikè” di Milazzo. Purtroppo la nostra malattia nei confronti del gelato ci porta ad assaggiare continuamente gelato, ma per fortuna di qualità! Si torna a Catania per una bella cena presso il ristorante Me Cumpari Turiddu, gestito dall’intraprendente e professionale Roberta Capizzi. Qui si trovano molte eccellenze del territorio, dalle materie prime ai vini; numerosi anche i presidi Slow Food.

Il terzo giorno si è partiti per Modica, con Andrea, cicerone delle eccellenze del territorio. La prima visita è stata nel laboratorio di produzione di cioccolato della coop Quetzal, che si occupa principalmente di cioccolato equosolidale per il consorzio Altromercato di Verona. Sono stati i primi a produrre con certificazione BIO in città. Successivamente ci siamo spostati in contrada Mista e siamo andati a visitare l’impianto di selezione e calibratura delle mandorle di Filiere Eque Iblee, diretto da Sara Ongaro, socia della coop Quetzal che, oltre a produrre cioccolata modicana equosolidale, commercializza le Mandorle siciliane a filiera sostenibile del contratto di rete di Filiere Eque Iblee. Abbiamo degustato cioccolata in varie tipologie, poi abbiamo fatto un’analisi sensoriale delle mandorle decretando la Pizzuta la più aromatica. A seguire siamo andati all’Antica Dolceria Bonajuto di Modica, accolti dal patron Pierpaolo Ruta, quinta generazione di dolcieri, dalla cioccolata ai cannoli siciliani… Pausa pranzo in una trattoria tipica, molto “Slow Food”, La Rusticana, dove si è deciso di fare i salutisti con l’insalatina verde, ma il buon Mecozzi ci ha insegnato che l’abbacchietto di agnello lo sanno fare pure in Sicilia. A seguire ci siamo spostati nel laboratorio distaccato di produzione cioccolato di Bonajuto. Ne ha uno anche al negozio storico, dove però per motivi di spazio non lavora le fave di cacao. Qui ci ha spiegato e mostrato le macchine di tutta la lavorazione, partendo dalla fava di cacao fino al prodotto finale. La visita successiva è stata in un altro posto favoloso: Casa CIOMOD, dove abbiamo poi pernottato. Casa Ciomod è un luogo bellissimo, strappato alla speculazione edilizia, nell’area di Modica Sorda, dove il senso di accoglienza è totale. Prima di lasciare la location Andrea Mecozzi ha tenuto un breve corso sulla storia del cioccolato italiano e abbiamo prodotto con lui un cioccolato modicano dalle fave, nel laboratorio di Ciomod.
A seguire ci siamo diretti a Scicli, per una cena organizzata da Stefano Grandi Presidente di Motor Power Company.

Ultimo giorno della missione, dopo aver dormito meravigliosamente e fatto un’abbondante colazione al Ciomod, abbiamo fatto visita a Ciokarrua, azienda specializzata in carrube e cioccolata. Siamo stati accolti dal titolare Giovanni Cicero, giovane imprenditore figlio d’arte, che ci ha presentato l’azienda ed i vari processi produttivi, con varie degustazioni di Carrube, pasticcini e cioccolata.

Prima di ritornare all’aeroporto di Catania abbiamo fatto tappa a Noto (SR), presso “Caffè Sicilia” del noto Maestro della pasticceria siciliana Corrado Assenza. Persona altamente professionale e di un’umiltà disarmante. Ovviamente abbiamo fatto una scorpacciata di cassate, cannoli, granita di mandorla, ed altro…
Corrado Assenza TOP!!!
Arrivati in aeroporto un velo di tristezza accompagna il pensiero di lasciare una fantastica regione, ricca di cultura, enogastronomia, arte, e soprattutto di persone fantastiche che hanno reso indimenticabile questo viaggio che rimarrà nei nostri cuori.

I Gelatieri per il Gelato che hanno partecipato alla “Missione Sicilia” sono stati:
Giovanna Musumeci, Renato Trabalza, Maurizio Bernardini, Luca Pannozzo, Giuseppe Flamingo, Dario Rossi.
Hanno partecipano anche: Andrea Mecozzi, Martina Imbesi, Elisa Chillemi.