AC – DC oppure AG – DG: Pre & Post Grom

Avanti Grom

FB: Ha riscosso subito notevole interesse il gruppo di discussione (chiuso ma aperto a tutti i gelatieri che vogliano farne parte) che abbiamo attivato, come Gelatieri per il Gelato, su facebook.
Sono stati molti gli argomenti discussi, in questi giorni e nel passato; alcuni di questi verranno poi ripresi nelle riunioni che saranno organizzate.

Ecco una breve summa (per leggere i commenti e le discussioni potete iscrivervi al Gruppo facebook Gelatieri per il Gelato):

  • Un argomento interessante sul quale si discute e si riflette: quanti di noi si sentono a posto con il proprio sistema HACCP e la comunicazione al cliente (il famoso schedario degli ingredienti)?
  • GROM: ha fatto bene a vendere? Perché hanno venduto? Stavano fallendo e hanno ceduto? Ecc., ecc.
  • Vista la confusione, reale o costruita ad arte, sul termine semilavorati e prodotti composti, perché non proviamo ad identificare una definizione e magari a dividere tali prodotti in ulteriori categorie?
  • Possiamo farci dare una mano anche da chi li produce… Faremmo chiarezza e forse qualcuno la smetterà di equiparare una base 250 al “semilavorato” latte in polvere o addirittura al “semilavorato” saccarosio…

gelatiere anticoA tutti noi sono serviti spunti di riflessione.
Cardine primario per definire un Gelato Artigianale è che sia fatto da un Artigiano.
Sembra una sciocchezza ma già così si fa distinzione tra chi conosce la materia e gli industriali del gelato. Comunque questi, ed altri, sono obbligati ai controlli HACCP e non “autodisciplinati”.

Si è discusso e, fortunatamente, si continua a discuterne di:

  • Latte crudo o latte di altro…
  • UOVA: Intere o in BRIK?
  • Vale la pena portare feci in laboratorio? Il tono un po’ provocatorio rispecchia comunque la realtà .
  • Scuole di pensiero per il gelato italiano? Tipo chi usa il latte condensato, chi quello fresco, in povere o quant’altro?
  • Si può scrivere gelato per diabetici? Purtroppo non lo so e chiedo al gruppo!
  • “Se piove stai a casa, di GROM” di cui parlavamo mesi fa, simile al contratto nazionale per il TURISMO
  • Dare una chiara definizione della differenza tra sanitizzazione e sanificazione? Inoltre quali sono i prodotti sanitizzanti più efficaci per disinfettare banchi, macchine e utensili per gelateria?

Molti di voi hanno anche “Ringraziato” l’industria per averci finalmente fatto fare un Gelato Artigianale ineccepibile grazie alle loro basi… da molti articoli pare che l’artigiano che non usa basi in polvere non esista proprio…

Si discuteva inoltre di alcune idee a proposito del concetto di artigiano gelatiere tipo – Secondo me, l’artigiano gelatiere è una categoria molto ampia che andrebbe frazionata per definire meglio il livello di artigianalità specifico di ogni professionista, per esempio, artigiano con tripla A, doppia o singola.
AAArtigiano che nella sua gelateria propone almeno 6 prodotti davvero originali, con pochissimi o nessun prodotto semilavorato, stagionalità, prodotti a km 0… chi più ne ha più ne metta.                                                                                                                                       AArtigiano che nella sua gelateria propone almeno 4 prodotti davvero originali,                          Artigiano che nella sua gelateria propone almeno 2 prodotti… [continua..]

frutta tagliataCi si chiedeva:

  1. Affidarsi a un gelato confezionato – ricorda l’Istituto del gelato italiano- significa affidarsi a un alimento sano e sicuro sempre, che contiene materie prime igienicamente controllate e sicure. Una cosa che molti non sanno, poi, è che il gelato confezionato è sempre senza conservanti, visto che il freddo può essere considerato come il conservante naturale per eccellenza degli alimenti, e non contiene grassi idrogenati né acidi grassi trans
  2. Secondo Voi è corretto pensare che il gelato sia sempre meno argomento fondamentale in una gelateria?
    Cosa ne pensate ?
  3. Ma se i consumi del gelato scendono e il business del futuro è nel turismo, nel design e nell’arte, perché ostinarsi ad aprire gelaterie?
  4. Una madre americana scopre che un gelato-biscotto (prezzo entry-level) comprato presso un supermercato Walmart, lasciato fuori dal freezer, anche sotto il sole, dopo 12 ore non si scioglie
    – la risposta dell’azienda: è colpa dell’elevata presenza di grassi…
  5. Gelaterie self-service (ti spini da solo il gelato che poi paghi, a peso insieme ai toppings, alla cassa) si trovano ormai in tutta Italia.
    Nel nord-est è esplosa la polemica perché la catena probabilmente più aggressiva come numero di aperture è l’AGRIGELATERIA.
    Il tema del contendere è il termine Agrigelateria, che fa intendere una gelateria emanazione di un ’impresa agricola” (il termine non ha valore giuridico).
  6. Cosa. Ne pensate dei riconoscimenti? Trip advisor, gelato tour? Gambero? Guide varie?
    Servono? Le si aspetta o li si va a cercare?

Erano queste le cose di cui si occupavano i Gelatieri aspiranti Artigiani.

Dopo Grom

internet gelatoPER CHI ANCORA NON LO SAPESSE

Il 2 dicembre 2014 MARKET WATCH – LONDRA & ROTTERDAM, Paesi Bassi, 2 dicembre 2014 (BUSINESS WIRE) – Unilever ha annunciato oggi di aver acquisito Talenti® Gelato & Sorbetto.

Sede a Minneapolis il marchio Talenti, che è stato fondato nel 2003, è cresciuto fino a diventare il più venduto gelato confezionato negli Stati Uniti. I prodotti Talenti sono realizzati con i migliori ingredienti, con metodi artigianali e confezionati in un unico, chiaro e riutilizzabile vaso di plastica. Talenti dovrebbe avere più di $ 120 milioni di fatturato nel 2014. I termini della transazione non sono stati divulgati.

Con i suoi 30 sapori di gelato e sorbetto – come Sea Salt Caramel e Pistacchio siciliano – l’acquisizione di Talenti porta un portafoglio complementare del gelato confezionato alla categoria dei gelati di Unilever, a fianco della società marchi leggendari esistenti, come Ben & Jerry, Breyers, Fruttare, Buon Umore, Klondike, Magnum e Ghiacciolo.

“Accogliendo Talenti nella famiglia, Unilever segna un altro passo nella nostra trasformazione del portafoglio in Nord America”, ha detto Kees Kruythoff, presidente di Unilever Nord America. “L’acquisizione amplia la posizione di Unilever nel mercato del gelato in rapida crescita con le sue offerte artigianali con confezioni chiare, distinte e riciclabili. Non vediamo l’ora di crescere e sviluppare ulteriormente questo marchio fantastico. “

Kevin Havelock, Presidente Categoria ristorazione di Unilever, ha detto, “i gelati e sorbetti di Talenti completano il portafoglio iconico di Unilever di gelato confezionato. La categoria gelato continua a guadagnare popolarità, siamo entusiasti di accogliere la rapida crescita del marchio Talenti “.

unileverIl primo di ottobre 2015…

Unilever annuncia di aver acquisito il business del gelato italiano premium, GROM. Il primo negozio GROM è stato aperto a Torino nel 2003 dagli amici Federico Grom e Guido Martinetti, con la visione di fare il miglior gelato del mondo, utilizzando solo ingredienti di prima qualità. Oggi, GROM ha più di 60 gelaterie in Italia e nel mondo.

L’acquisizione rafforzerà Grom e il portafoglio gelati di Unilever e contribuirà a capitalizzare sulla crescita del mercato gelato premium. Grom verrà lasciato come unità indipendente, con Federico e Guido alla gestione del business dalla sede di Torino.

Kevin Havelock, Presidente Categoria ristorazione di Unilever, ha detto: “Unilever e Grom condividono la stessa passione per il gelato e hanno allineato valori in settori quali l’approvvigionamento sostenibile di materie prime. I consumatori di Grom continueranno a godere dello stesso gusto e dei sapori che hanno sempre amato, mentre la scalata di Unilever darà accesso a nuovi mercati, contribuendo ad alimentare la crescita del marchio Grom “.

Angelo Trocchia, General Manager Unilever Italia ha detto: “Unilever ha radici profonde in Italia, abbiamo iniziato le nostre operazioni qui 50 anni fa e abbiamo un bel portafoglio di ben noti e amati marchi, così come quattro fabbriche e 3.000 dipendenti. Sono certo che tale patrimonio italiano, insieme con la nostra conoscenza della categoria gelato, ci aiuterà a lavorare con Federico e Guido per sbloccare nuove opportunità per Grom. “

I termini dell’accordo non erano stati divulgati immediatamente (perche”?) Grom continuerà a funzionare come stand alone dopo il completamento.

La società sta lavorando per aumentare la sua presenza alla fascia alta del mercato, dove si vede il maggior potenziale di crescita. Nel dicembre dello scorso anno, Unilever ha acquistato Talenti Gelato & Sorbetto, high-end gelatiere statunitense.

A proposito di Unilever:

Unilever è uno dei fornitori leader a livello mondiale di prodotti alimentari, per la casa e la cura personale con vendite in oltre 190 paesi. “Lavoriamo con 174.000 colleghi di tutto il mondo e abbiamo generato un fatturato annuo di € 49.800.000.000 nel 2013. Più della metà degli sforzi della nostra azienda sono nei mercati in via di sviluppo ed emergenti (57% nel 2013). Lavoriamo per creare un futuro migliore ogni giorno, aiutiamo le persone a sentirsi bene, ad avere un bell’aspetto e ottenere di più dalla vita. Il nostro portafoglio comprende alcuni dei marchi del mondo più noti, tra cui: Knorr, Persil / Omo, Colomba, Sunsilk, Hellmann, Surf, Lipton, Rexona / Certo, gelato di Wall, Lux, Flora / Becel, Rama / fascia blu, magnum e Axe / Lynx – generano un fatturato di 1 miliardo di € o più.

La loro strategia? Uniliver per il business sostenibile.

Unilever, sin dalle sue origini, è stata una società con “scopi mirati” o “guidati da motivazioni”, quello che sottolineo spesso nei miei comunicati – Federitalia Food Education. Il loro obiettivo è quello di rendere sostenibile una vita banale, come sostiene anche il Dr. Roberto Lobrano e Stefano Grandi per il Gruppo dei Gelatieri per il Gelato.

Leggete uno dei loro statments (dichiarazioni):

“Viviamo in un mondo dove le temperature sono in aumento, scarsità d’acqua sono più frequenti, le forniture alimentari sono sempre più scarse e il divario tra ricchi e poveri sta aumentando. Le popolazioni sono in rapida crescita, rendendo l’igiene di base ed i servizi igienico-sanitari ancora più di una sfida. In Unilever possiamo vedere come la gente di tutto il mondo sia già stata colpita da questi cambiamenti. Questi cambiamenti porranno nuove sfide anche per noi, come gli aumenti dei costi delle materie prime, i mercati instabili e le materie prime sempre più difficili da reperire.”

Loro credono, e anch’io, che tutte le imprese debbano essere parte della soluzione. Ma per fare cio, le imprese dovranno cambiare; Non c’e più “the usual business”. La crescita equa e sostenibile è l’unico modello di business accettabile. La loro visione strategica è di raddoppiare le dimensioni delle loro attività, riducendo il disagio all’impatto ambientale, e aumentando positivamente l’impatto sociale.

“Nel 2010 – dicono – abbiamo lanciato il Sustainable Living Plan di Unilever, che è il nostro progetto per un business sostenibile. Raggiungeremo la nostra visione attraverso il nostro piano, che ci sta aiutando a raggiungere la nostra crescita e l’avanzamento sul nostro impatto ambientale. Abbiamo già aumentato il nostro impatto sociale in senso positivo, abbiamo guidato la nostra organizzazione ad una crescita profittevole per i nostri marchi, risparmiando sui costi e alimentando l’innovazione.
Siamo impegnati ad aiutare più di un miliardo di persone a migliorare la loro salute e il loro benessere, di fornire tutte le nostre materie prime agricole in modo sostenibile entro il 2020 e la nostra crescita disaccoppiata sul nostro impatto ambientale.”

“Unilever è stata classificata al primo posto nel loro settore nel 2014 nel Dow Jones Sustainability Index. Siamo inclusi nel FTSE4Good Index Series e abbiamo conseguito un punteggio ambientale top 5, con conseguente inclusione nel FTSE4Good Environmental Leaders Europe 40 Index. Unilever è stata nominata leader di settore del programma della CDP Foreste per tre anni consecutivi, e nel 2014 ha portato la lista di Global Corporate Sustainability Leaders nel GlobeScan / Sostenibilità sondaggio annuale – per il quarto anno consecutivo. Nel 2014 Unilever è stata dichiarata in LinkedIn nelle Top 3 più ambite dei datori di lavoro in tutti i settori per il secondo anno consecutivo, e anche di LinkedIn n ° 1 tra le più ambite FMCG come datori di lavoro in tutto il mondo.”

Per saperne di più sul piano di sviluppo sostenibile Unilever andate a visitare: unilever.com
https://www.unilever.com/careers/graduates/uflp/

Il piano di sostenibilita’

Il piano Unilever per la sostenibilità è il modello per realizzare la nostra visione per raddoppiare la dimensione e la qualità delle imprese.
Di fronte alla sfida del cambiamento climatico e la necessità per lo sviluppo umano, vogliamo muoverci verso un mondo in cui tutti possano vivere bene ed entro i limiti naturali del pianeta. Ecco perché il nostro scopo deve essere quello di rendere sostenibile la vita comune.

Cosa faranno i Gelatieri Artigiani del futuro per combattere e sognare di sconfiggere un drago con tutte queste teste?

Concludo perché, nella mia mente, le migliaia di carambole cominciano a cercare di trovare delle buche.

Con una nota di tristezza e tanta fiduciosa positività vi abbraccio fraternamente.

logo federitaliaLuigi De Luca, JP

Resp. Nazionale & Intern. Federitalia Settore Alimentare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...