Breve storia di una controversia (una o due definizioni?)

Un breve articolo comparso sulla rivista “Il  Gelatiere Italiano” del Marzo scorso osserva che esistono due definizioni relative al nome “Gelato” di cui una redatta dal  “Comitato Tecnico di SIGEP” e l’altra da “I Gelatieri per il Gelato”. Viene auspicato che le due versioni  possano convergere in un unico testo “accogliendo quanto di valido vi é in entrambi”.

Rispondiamo:

La definizione del prodotto “Gelato” spetta unicamente a coloro che lo producono e lo vendono, quindi ai gelatieri. Non comprendiamo il motivo per il quale il gelatiere dovrebbe coinvolgere elementi esterni in un lavoro di sua naturale ed esclusiva pertinenza. Non ci risulta che pasticcieri, gastronomi, chef di cucina si siano mai rivolti ai propri fornitori a chiedere consulenze e consensi per determinare nomi e definizioni dei propri prodotti.

L’iniziativa di AIIPA ed  ACOMAG di elaborare una cosiddetta “definizione concettuale” del gelato tipico italiano ed in particolare le modalità con cui questa progetto si è svolto ci è sembrato quanto meno poco trasparente, forse con qualche riserva mentale. Il tutto è decollato quasi in sordina e furono ben pochi ad esserne a conoscenza; di certo si intendeva presentare alla “collettività” un documento già  ben “confezionato” da approvare all’unanimità e rispettivi applausi. Che vi fossero poi, tra le pieghe, delle “cosette” eventualmente da “ritoccare” …….  sappiamo in questi casi come le cose vanno a finire.  E vero che del “Comitato Tecnico di SIGEP”, oltre ai promotori AIIPA ed ACOMAG  erano stati invitati tre significativi gruppi di gelatieri, una agenzia di comunicazione (con quale compiti ? ) ed il  SIGEP quale ospitante “padrone di casa”. Che il Comitato Tecnico di SIGEP avesse da occuparsi anche di simili compiti ci è sembrato quanto meno strano. Nei confronti dei colleghi gelatieri del CO.GEL-FIPE, dei  MAESTRI GELATIERI  ITALIANI e del SIGA vorremmo esprimere una nostra considerazione:   forse avrebbero fatto meglio a  non tenere quasi nascosta l’iniziativa ma a renderne partecipi anche altri, soprattutto più numerosi, gruppi ed associazioni di gelatieri.  Infatti quando una più larga parte di gelatieri ne venne a conoscenza ed il Comitato Tecnico di SIGEP dovette ospitare anche le maggiori associazioni di gelatieri, avvenne la naturale rottura. Si misero in campo i “Gelatieri per il Gelato” che con la partecipazione di un variopinto numero di colleghi di tutta Italia operarono in varie riunioni (Cefalù, Longarone, Bologna, Rimini) portando a termine il progetto. Nel mentre il “Comitato Tecnico di SIGEP”, dopo qualche disorientamento interno, cercò di ricomporsi invitando altri gruppi di gelatieri ad aggregarsi. La risposta di questi a suo tempo“trascurati” fu quella di sempre: la definizione al Gelato Artigianale Italiano spetta unicamente al gelatiere.

In occasione della Fiera di Longarone ci venne consegnata. Da parte ACOMAG,  una nuova “definizione concettuale” redatta da una parte del Comitato Tecnico di SIGEP, documento che preferiamo non commentare.

A questo punto diciamo con i Romani: “alea jacta est”,  il dado è tratto: la definizione del gelato artigianale italiano è stata presentata ed é soprattutto un documento redatto da soli gelatieri come previsto dalla logica e dal buon senso.  Se qualche gelatiere necessitasse di informazioni e ragguagli o volesse dare un suo contributo noi saremo disponibili ad ascoltare e ad accogliere qualsiasi contributo costruttivo… Non crediamo di avere compiuto qualcosa di perfetto ma che vi abbiamo messo tutta la nostra passione e l’amore per questo nostro prodotto, lo confermiamo con la mano sul cuore..

Siamo partiti nel Settembre scorso da Cefalù e passando da Longarone e da Bologna siano approdati a Rimini; siamo stati in tanti, uomini e donne di ogni età, ognuno vi ha contribuito con le proprie possibilità.

Riteniamo chiusa questa controversia

Un piccolo “post scriptum”:

Nel 2008 l’AIIPA sostituiva il vecchio nome di Semilavorato (si disse fosse ormai superato – ?)  con quello più moderno ed appropriato (!)  di “Ingrediente Composto”.  Questa modifica di nome avvenne, peraltro legittimamente, senza chiedere pareri, consigli o consensi a nessuno.:. Abbiamo sottolineato il termine “legittimamente” in quanto si è trattato di prodotti preparati e venduti dalle aziende AIIPA e quindi di propria competenza..  Ed allora ?

Carlo Pozzi e Luca Caviezel

2 pensieri su “Breve storia di una controversia (una o due definizioni?)

  1. andrea soban

    ricevo e pubblico (da confermare)
    Dr. Fabrizio Osti (comprital) è il nuovo presidente di Aiipa, Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari – Gruppo Gelato.
    Succede a Maurizio Benvenuti (pernigotti) che ha retto l’associazione nel quadriennio 2008-2012

    Rispondi
    1. Roberto

      Siamo curiosi di conoscere cosa ne pensa della nostra definizione di Gelato Artigianale di Tradizione Italiana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...