Gelatieri come i calciatori o come i rugbisti?

[di Marco Gennuso] Carissimi,

leggo con attenzione le lamentele e le arrabbiature di Roberto, che in parte condivido, visto l’impegno profuso da tutti per arrivare al nostro obbiettivo. Ma poi mi son detto: e se fossimo noi a giocare un altro sport?
Mi spiego o cerco di spiegarmi meglio. Noi siamo quelli che giocano bene a rugby. Andiamo agli allenamenti con le nostre macchine, ogni giorno alziamo le serrande dei negozi, ci impegnamo e produciamo gelato che fa felici un sacco di persone.

Siamo quelli che quando ci va bene, vinciamo contro la Francia,  vicecampionemondiale,  non so se mi spiego, ma poi lottiamo con la Scozia per non vincere il cucchiaio di legno. Loro sono quelli che  giocano a calcio ed in campions league!
Vanno agli allenamenti col Ferrari, hanno fans in tutto il mondo, secondo i media e i giornali di settore, sono quelli delle campagne promozionali toste, che mandano il gelato alle stelle, quelli belli fuori e buoni dentro, ma loro il gelato non lo fanno. Ci prestano il campo, l’olimpico era strapieno l’altro giorno per italrugby-scozia, loro col calcio faticano oramai a riempirlo.
Noi siam quelli del terzo tempo, quelli che alla fine primi o secondi la festa la fanno allo stesso. Noi non siamo quelli del sistema Italia gelato, perché il sistema per fare il gelato italiano, lo sappiamo da un sacco di tempo.
Noi siam quelli che non compaiono sui giornali, se non per dire che il gelato é una droga, che siamo piccolini e cattivi e magari  anche un po’ evasori, ma siam quelli che facciamo sospirare intere generazioni, noi che con quella palla ovale andiamo dritti alla meta, noi che i coni e le coppette li facciamo sempre mettendoci impegno, noi che non sappiamo comunicare bene, ma lo facciamo col nostro prodotto, noi che gratifichiamo i nostri clienti con gocce di dolcezza, create con fatica e
abnegazione, lavorando tutte le feste comandate e fino a tardi la sera.
Noi che a volte ci facciamo abbindolare da quel mondo del calcio,  pieno di lustrini e paiette e magari anche di belle donne, noi che a volte scappiamo dal rugby, per andare a servire quelli del calcio, come preparatori atletici, come quelli che insegnano l’ABC……mah. Come se il rugby fosse uguale al calcio…….
Dovremmo imparare a crescere insieme, a formarci insieme, a vivere insieme e allora avremo un Italrugby gelatieri più forte, che magari non vincerà il sei nazioni, che magari non apparirà su tutte le testate sportive più gettonate, ma avrà fatto una splendida partità, come ha giocato bene a Cefalù e altrettanto a Bologna. Abbiamo perso a Rimini, pazienza, ma sappiamo che abbiamo scaldato e tuttora scaldiamo milioni di cuori golosi
in Italia e non solo.
Ciao a tutti

Marco

2 pensieri su “Gelatieri come i calciatori o come i rugbisti?

  1. Loris Molin Pradel

    Grande Marco !!!

    “Il calcio è uno sport da gentiluomini giocato da selvaggi.
    Il rugby è uno sport da selvaggi giocato da gentiluomini”
    (Oscar Wilde)

    mica …
    Loris Molin Pradel

    Rispondi
    1. fabio renzi

      meno minchiate e più fatti…….è ora che ci muoviamo noi gelatieri…..che chi scalda le poltrone…..i fatti li hanno sempre portati avanti i piccoli con tanti sacrifici….. le associazioni non hanno mai preso serie posizioni per il nostro futuro….hanno sempre chinato il capo e leccato il piede del più forte: lo scontrino fiscale che doveva essere abolito con la paventata legge su gli studi di settore, le riforme delle pensioni per le categorie più deboli mai rappresentate debitamente, una categoria che è una non categoria che si fà mettere i piedi in testa da chiunque si alzi la mattina e ci attacchi, persino gli zingari Rom hanno ottenuto di più della nostra categoria e da chi ci rappresenta, vorrei sapere dal presidente Loris Molin Pradel cosa fà attualmente per noi oltre che l’ordinaria amministrazione e come ci rappresenta, mi auguro che le risposte che pubblicherò non siano il solito ciarlare o proporre parole su parole di come si dovrà oppure non si dovrà fare o dire; notizie di oggi di un artigiano che si da fuoco per debiti verso lo stato, le nostre associazioni come reagiscono forse scendendo in piazza o proponendo una seria opposizione a questo stato di fatto dove le banche non erogano più crediti e le tasse aumentano, tutti zitti perchè schiavi del regime…..solo vergognosi silenzi e meri opportunisti della sedia sindacale? é ora che qualcuno tiri fuori le palle!
      Fabio Renzi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...