Articoli in primo piano

Aderisci anche tu al Movimento Gelatieri per il Gelato

logo GxGCondividi le idee raccolte nel Manifesto dei Gelatieri per il Gelato?
Vuoi anche tu far parte di questo Movimento e portare le tue idee e il tuo entusiamo per propagandare e difendere la causa del vero Gelato Artigianale di Tradizione Italiana?

CLICCA QUI per fare richiesta di adesione al Movimento Gelatieri per il Gelato!

Non nominare il “D.O.P.” invano!

Importante notizia per i gelatieri (e non solo) sulla corretta dicitura nel promuovere le proprie lavorazioni, che includono ingredienti che hanno la denominazione D.O.P. o I.G.P. (pistacchio di Bronte, nocciola Piemonte, ecc…).

Secondo una legge, poco conosciuta dagli operatori di settore (si tratta del Reg. UE 1169/2011), qualora si voglia abbinare il nome del prodotto alla denominazione di vendita  è necessario rispettare la seguente dicitura: es. per il Pistacchio: “GELATO AL PISTACCHIO, (e in caratteri più piccoli) ottenuto esclusivamente con “Pistacchio Verde di Bronte DOP”.

Non si può assolutamente scrivere: “GELATO AL PISTACCHIO VERDE DI BRONTE DOP”, perché la dicitura DOP riguarda il pistacchio e non il gelato, che è un prodotto composto, preparato con l’ingrediente DOP. In nessun caso si può usare la parola “pistacchio” abbinata a “Bronte” se non con la dicitura esatta comprese le virgolette. Identica cosa per la nocciola.

Parlando di gelato si può solo scrivere in questo modo: “GELATO AL PISTACCHIO ottenuto esclusivamente con “Pistacchio Verde di Bronte DOP”. Volendo si può sostituire la parola ottenuto con preparato o un altro termine equivalente.

La cosa più importante però è che occorre inoltre farsi autorizzare l’etichetta nella sua totalità dal relativo consorzio.

Cosa significa?

Che DOVETE ISCRIVERVI AI CONSORZI e PAGARE UNA QUOTA ANNUALE!

Se invece l’ingrediente DOP o IGP lo inserite soltanto nella lista degli ingredienti (e non accanto al nome del gelato sulle etichette o sul cartellone dei gusti), c’è solo l’obbligo di rispettare le diciture esatte (anche con le virgolette) dei rispettivi nomi, senza chiedere alcuna autorizzazione.

Ora, la domanda sorge spontanea: ma perché oltre a dover pagare un prodotto più caro (perché ha la denominazione DOP o IGP) devo pure pagare il consorzio? A che titolo? Se gli sto facendo pubblicità, non è che forse mi dovrebbero ringraziare piuttosto che chiedermi dei soldi… per cosa poi?

Alcuni gelatieri sono sul piede di guerra, anche perché le sanzioni hanno iniziato a fioccare, e si parla di multe da 2.500 euro fino a 16.000…

Forse è il caso di pensare che i gelatieri possono anche fare a meno di acquistare i prodotti DOP o IGP. Cosa ne pensate?

Ma soprattutto cosa ne penseranno i consorzi quando una gran fetta di clientela smetterà di comprare il loro prodotto?

Giusto per capirci ecco il tariffario della DOP del pistacchio:

SOGGETTO

COSTO ANNUO

Produttori e Confezionatori iscritti al Consorzio di Tutela del Pistacchio Verde di Bronte DOP, che effettuano vendita dei prodotti a marchio DOP in guscio, sgusciato o pelato.

Zero

Produttori e Confezionatori non iscritti al Consorzio di Tutela del Pistacchio Verde di Bronte DOP, che effettuano vendita dei prodotti a marchio DOP in guscio, sgusciato o pelato.

€ 100

Produttori e Confezionatori iscritti al Consorzio di Tutela del Pistacchio Verde di Bronte DOP, che effettuano vendita dei prodotti a marchio DOP, elaborati e trasformati.

€ 500

Produttori e Confezionatori non iscritti al “Consorzio di Tutela del Pistacchio Verde di Bronte DOP, che effettuano vendita dei prodotti a marchio DOP, elaborati e trasformati.

€ 1000

Per tutti gli utilizzatori della denominazione “Pistacchio Verde di Bronte DOP”non appartenenti alle categorie di Produttori o Confezionatori .

€ 1200

Per completezza di informazione il CNR ha già inviato questa comunicazione ai propri associati, ma naturalmente interessa tutti!

Superato il confine tra gelateria e cucina a Identità Golose 2017

Al di là del programma di Identità Gelato, che ha visto grandi chef e pasticceri interpretare il dolce (?) freddo sotto il profilo culinario, un grande passo verso il futuro è stato compiuto dalla rappresentanza dei Gelatieri per il Gelato, con le loro 18 proposte dirompenti.

I nove gelatieri presenti hanno saputo portare un soffio di novità nell’interpretare il gelato e la granita come difficilmente si può immaginare. E’ stato prima di tutto un lavoro di squadra, che ha coinvolto gelatieri provenienti da tutta Italia, impegnati a proporre a proprio modo il tema della manifestazione: il viaggio e la libertà. Ma la cosa più bella è stata l’atmosfera di festa, di collaborazione e di amicizia che si è instaurata dietro al banco. Ogni gelatiere ha portato una ricetta e si è unito ad un collega per crearne una nuova…

Un modo inedito per dimostrare la volontà di unire le forze e le sensibilità per il bene comune.

Molte di queste ricette sono state create per l’occasione e non hanno nemmeno un nome. Ecco perché nei prossimi giorni apriremo un bando su Facebook per dare un nome ad alcune delle ricette presentate.

Faremo presto un report dettagliato e creeremo un “Ricettario di Viaggi e Libertà”, dove troveranno posto tutte queste ricette. Ad esse si aggiungeranno quelle dei colleghi Gelatieri per il Gelato che non sono potuti intervenire.

Ecco nel frattempo qualche scatto che dimostra la gioia e le capacità di questa splendida squadra.

C’è posta per i GxG!

Questo è ciò che arriverà agli iscritti del Movimento Culturale GxG via posta.

Gelatieri per il gelato gadgetsIniziamo a far veicolare il nostro logo e a costruire la nostra brand awareness.

Il cammino è lungo, ma ogni viaggio comincia con un primo passo…

Più saremo, più mezzi avremo per arrivare a comunicare in modo ampio e diretto con i nostri clienti. Anche quelli più lontani.

BENVENUTI AI NUOVI ASSOCIATI!

I GxG a Identità Golose 2017

Dal 4 al 6 marzo si svolgerà l’importante evento gastronomico Identità Golose a Milano, organizzato da Paolo Marchi.

Quest’anno una delegazione di 8 gelatieri per il Gelato farà un’incursione per proporre nuove idee, proprie interpretazioni del tema del viaggio e della libertà, ma soprattutto per giocare all’interno dello spazio gelato, messo a disposizione per show cooking del “freddo” da MPC e BRX.

Ecco cosa succederà durante la giornata del 6 marzo (lunedì).

A partire dalle 10,00  e fino alle 18,00 otto gelatieri provenienti da tutta Italia presenteranno ciascuno una ricetta legata al tema della manifestazione, La forza della libertà: il viaggio. Ci sarà anche spazio per la valorizzazione del territorio, della sostenibilità, della creatività e dell’innovazione. Si spazierà dai gelati dolci a quelli gastronomici ed ognuno proporrà il proprio viaggio in completa libertà.

Il programma prevede quattro sessioni da un’ora e mezza ciascuna (due la mattina e due al pomeriggio) dove i gelatieri si presenteranno in coppia per proporre ciascuno una propria ricetta e per creare una ricetta insieme, questo a dimostrare che i gelatieri non sono solo bravi a competere e a vincere concorsi, ma anche a collaborare!

I Gelatieri per il Gelato si presentano a questa importante manifestazione gastronomica con l’obiettivo di valorizzare la cultura del gelato artigianale italiano, fatto con passione, altissima professionalità e desiderio di condivisione anche e soprattutto nei confronti del pubblico.

I PROTAGONISTI DI IDENTITA’ GOLOSE 2017 SARANNO:

gxg-identita-golose

Dalle 10,00 alle 11,30:

  • Gianfrancesco Cutelli della gelateria De Coltelli di Pisa.
  • Simona Carmagnola della gelateria Pavé di Milano.

Dalle 11,45 alle 13,15:

  • Dario Rossi della gelateria Greed di Frascati.
  • Il collettivo dei gelatieri di Galliera 49 di Bologna.

Dalle 14,30 alle 16,00:

  • Giovanna Musumeci della Pasticceria Santo Musumeci di Randazzo.
  • Ida Gabriela di Biaggio della gelateria 900 di Pescara.

Dalle 16,15 alle 17,45:

  • Pierluigi D’Ambrosio della gelateria Naturale D’Ambrosio di Udine.
  • Roberto Galligani della gelateria Casa del Gelato di Albenga.

Le coppie di gelatieri saranno presentati ed intervistati, durante le loro performance, dal giornalista Salvatore Spatafora e dal collega e Presidente dei Gelatieri per il Gelato Roberto Lobrano della Ice Rock Consulting di Casalecchio di Reno.

Gelatieri per il Gelato e il sociale

I Gelatieri per il Gelato, tra le attività inserite nel loro calendario hanno la collaborazione e il sostegno sociale. Magari grazie proprio al gelato.

Una delle idee è quella di collaborare con associazioni di recupero dei detenuti e di associazioni legate alle disabilità.

In questi giorni una delegazione dei Gelatieri per il Gelato si stanno recando presso le strutture di due Onlus che si occupano del recupero dei detenuti del carcere di Rebibbia attraverso il lavoro.

semi-di-libertaIn particolare il Birrificio Vale La pena, situato nei locali dell’Ita Sereni che dal 2014 produce diverse tipologie di birra grazie al lavoro di studenti e detenuti. Queste birre possono essere un eccellente ingrediente per il gelato e per veicolare un messaggio di virtuoso inserimento nel mondo del lavoro.

caffè galeottoAltro incontro sarà presso la cooperativa Pantacoop che si occupa del Caffè Galeotto, un altro “prodotto sociale” del Carcere di Rebibbia in Roma.

Nei prossimi giorni pubblicheremo i risultati di questi importanti incontri.

Se sei un gelatiere leggi il nostro codice-interno-dei-gxg-2017 e se ti ci riconosci, sostieni i Gelatieri per il Gelato facendo domanda di iscrizione.

TI ASPETTIAMO!

Prima giornata sull”analisi sensoriale del gelato: un successo!

Il giorno 26 gennaio 2017 ha avuto luogo la

PRIMA GIORNATA FORMATIVA SULL’ANALISI SENSORIALE DEL GELATO

La giornata, riservata in parte ad una selezione di Gelatieri che hanno avuto la possibilità di formarsi sulle tecniche di analisi sensoriale all’interno della struttura del Dipartimento di Scienze Bio Agroalimentari di Bologna ha avuto un grande successo e ha dato risultati sorprendenti.

gelatieri per il gelato analisi sensoriale

La mattina è stata dedicata all’identificazione e all’applicazione di parametri scientifici da applicare per una corretta analisi del gelato artigianale. I gelatieri sono stati chiamati ad analizzare diverse ricette di gelato con una sola variabile di differenziazione. Prima della fase pratica c’è stata una parte teorica a cura degli esperti del CNR sulle tecniche di analisi sensoriale.

gxg analisi sensoriale

I 24 gelatieri selezionati tra le eccellenze della gelateria italiana formano un panel di degustatori in confronto con altri due gruppi.  Le degustazioni si sono svolte nelle cabine di analisi attrezzate del centro che sono dotate di un software specifico. I panel leader del CNR hanno guidato i partecipanti nel loro percorso sensoriale spiegando i descrittori e coordinando il vocabolario comune. I risultati delle analisi sono state poi presentati e discussi nel pomeriggio, quando le porte del CNR si sono aperte anche al pubblico.

Dalle 14,30  alle 16,30 infatti la giornata formativa si è aperta a tutti, dalla stampa agli operatori di settore interessati, dai clienti ai colleghi.  Sono state date indicazioni per una degustazione “analitica” semplificata del gelato artigianale e su come formare colleghi e clienti all’assaggio consapevole ma soprattutto sono state analizzate le differenze di percezione tra i tre panel che hanno partecipato alle degustazioni: esperti gelatieri, esperti di analisi sensoriale e pubblico generico.

I partecipanti gelatieri a fine giornata hanno ricevuto un attestato di partecipazione, oltre ad una dispensa riepilogativa.

Visualizza qui la galleria fotografica: Analisi sensoriale Bologna

Questo progetto organizzato dall’Associazione Culturale Gelatieri per il Gelato non solo ha il compito di formare i gelatieri sul tema dell’educazione all’analisi sensoriale alimentare, in modo da essere loro stessi veicolo di cultura verso i propri clienti, ma anche di spiegare al pubblico l’importanza della scelta degli ingredienti e della capacità propria di chi pratica il mestiere di gelatiere con professionalità, di metterli in equilibrio nel gelato artigianale.

Per ulteriori informazioni e iscrizioni al movimento culturale dei Gelatieri per il Gelato scrivere a presidenza@gelatieriperilgelato.com